Indulgenza plenaria per la partecipazione alla Marcia per la Vita

Battersi pubblicamente per il valore della vita può liberare in toto dalla pena temporale dovuta per i peccati. Lo ha stabilito il card. Donald Wuerl, arcivescovo di Washington, insieme al vescovo della vicina diocesi di Arlington, Michael F. Burbidge.

Gli ultimi dati scioccanti che arrivano dall’Inghilterra confermano che l’aborto “sicuro” non esiste

2.600 incidenti gravi, 466 chiamate al servizio di ambulanza, 11 donne trasferite d’urgenza in ospedale, 373 trattamenti a causa del fallimento dell’aborto, donne sottoposte a trasfusioni di sangue a causa delle emorragie, insorgenza di infezioni e lacerazioni all’apparato riproduttivo. E ancora: sospensione dei servizi abortivi ad alcune cliniche per varie infrazioni e la scoperta di…

Marcia per la Vita a Roma il 19 maggio

Lecco (Lècch) – Il comitato Marcia per la Vita annuncia la data della ottava edizione della grande manifestazione romana. L’appuntamento è nella capitale il prossimo 19 maggio 2018 “per ribadire il nostro sì alla vita sempre, senza compromessi e no alla cultura di morte che ci vogliono imporre”, dicono gli organizzatori.

“Adottiamo bimbi malati come Charlie che ci donano gioia”

Non c’è nulla come una vicenda del genere capace di svelare la verità su temi controversi e dibattuti e sui quali intellettuali ed esperti cercano di far luce spesso complicando le cose, come accadde nel caso di Charlie Gard. Cori Salchert è un’ex infermiera del Wisconsin di 51 anni che ha deciso, insieme al marito Mark, di adottare…

Vogliamo leggi per la vita!

Un grande applauso si leva dall’aula del Senato. Il provvedimento sul Biotestamento è ormai legge. Siamo avviati verso la fine della nostra civiltà.

15.000 Olandesi in Marcia per la Vita

Olanda 9 dicembre 2017 Sono 15.000 gli olandesi che si sono riuniti presso Malieveld Square, nel centro dell’Aia per partecipare alla venticinquesima  Marcia per la Vita. Tra loro, uomini, donne e bambini, tutti riuniti protestare contro l’aborto e promuovere altre alternative più compassionevoli.

Mikayla “Spirit of Miss USA”

La ventiduenne Mikayla Holmgren ha partecipato al concorso di bellezza Miss Minnesota: è stata la prima ragazza con con sindrome di Down a competere in una delle gare eliminatorie per  diventare “Miss USA”.