La marcia per la Vita. Commento del giorno dopo.

(di don Flavio Peloso su www.donorione.org del 14-05-2012) È davvero penoso, dopo la giornata di sole e di luce vissuta ieri con la Marcia per la Vita a Roma, assistere all’assalto di quanti hanno classificano i manifestanti come «integralisti, negazionisti, razzisti e omofobi» (dichiarazione di Dario Nanni, consigliere del Pd al Comune di Roma).
Io e gli altri 15.000 manifestanti eravamo persone normali, di tutte le età, condizioni di vita, giovani, donne, bambini e famiglie intere; molti cristiani questo sì. Ma niente a che fare con integralisti irragionevoli o manichei intolleranti.
No. Solo contenti della vita e della verità sulla vita. E preoccupati di alcune falsità planetariamente diffuse ma elementarmente contraddette dall’evidenza dei fatti.

Chi vede l’immagine di un feto abortito sa che quello è un bimbo morto. Se poi sa che quell’aborto è stato provocato per l’intervento di una o più persone lo chiama omicidio. E non altro.
Se quell’omicidio è permesso e anche assistito da una legge dello Stato dice che con l’interruzione volontaria della gravidanza negli ospedali pubblici ci sono stati – solo in Italia – circa 5 milioni di bimbi, in stato fetale, uccisi nel grembo materno.

Ebbene, ritenere e dire questo assieme a tante persone normali, e dirlo in pubblico, ha trasformato me e i 15.000 della Marcia per la Vita in un concentrato di «integralisti, negazionisti, razzisti e omofobi”.
Mi pare che il problema non sia che milioni di italiani la pensino così – è risaputo -, ma è diventato un problema che 15.000 di essi lo abbiano detto in pubblico, ove vige una dittatura culturale che non lascia spazio al dissenso.

Solo l’intelligenza libera di un bambino può ancora dire che “il re è nudo” o che “quel piccolino di poche settimane è un bambino”.
Ingannati e ingannatori continueranno a parlare di “stoffe moderne” o di “materiale embrionale”.

Don Flavio Peloso

Sostieni la Marcia per la Vita