L’infanticidio è alle porte, viene chiamato “aborto dopo il parto”. L’orrore è che alcuni non se ne vergognano

L’infanticidio è alle porte, viene chiamato “aborto dopo il parto”. L’orrore è che alcuni non se ne vergognanoUn articolo che mette in evidenza la pazzia del nostro tempo. L’infanticidio, quello che una volta avrebbe generato orrore, sta diventando oggetto di un rispettabile dibattito.

Di seguito un articolo di Wesley J. Smith, nella mia traduzione.

Padre Richard John Neuhaus ha scritto che i bioeticisti “guidano professionalmente l’impensabile nel suo passaggio attraverso il discutibile sulla via per diventare giustificabile fino a quando non si è finalmente stabilito come indiscutibile”. Dopo gli eventi delle ultime settimane, lo stesso si potrebbe dire dei politici liberali.

Un tempo l’infanticidio era “impensabile”. Ma negli ultimi decenni, alcuni dei più importanti bioeticisti del mondo hanno considerato l’uccisione di bambini degni di un rispettabile dibattito.

Peter Singer dell’Università di Princeton è il più famoso sostenitore di questo tipo. Un utilitarista grezzo, egli sostiene che “l’essere umano” non ha alcuna importanza morale. La questione del valore dipende piuttosto dal fatto che un individuo mostri i tratti cognitivi di una “persona” nel tempo, come la consapevolezza di sé. In questa visione, alcuni esseri umani non sono persone – una categoria odiosa che include i nascituri, i neonati, i disabili profondamente incoscienti e coloro che hanno perso la loro personalità a causa di malattie o infortuni.

Le “non-persone” non possiedono il diritto alla vita. In Ripensare la vita e la morte, Singer paragona esplicitamente le persone non-persone umane allo sgombro: “Poiché né un bambino neonato né un pesce sono una persona, l’ingiustizia di uccidere questi esseri non è così grande come l’ingiustizia di uccidere una persona”.  Egli opina in Etica Pratica:

Quando la morte di un bambino disabile porterà alla nascita di un altro bambino con migliori prospettive di una vita felice, la quantità totale di felicità sarà maggiore se il bambino disabile verrà ucciso. La perdita della vita felice per il primo neonato è controbilanciata dal guadagno di una vita più felice per il secondo. Pertanto, se uccidere il bambino emofiliaco non ha effetti negativi sugli altri, sarebbe giusto, secondo la visione complessiva, ucciderlo.

Singer ha ripetutamente sostenuto che, poiché sia i feti di una gravidanza prossima al parto che i neonati mancano della cognizione necessaria per raggiungere lo status di “persona”, l’infanticidio dovrebbe essere permesso nelle stesse circostanze in cui la società permette l’aborto di feti vitali.

Singer è ben lungi dall’essere il solo a legare la moralità dell’infanticidio all’etica dell’aborto tardivo. Diversi anni fa, il Journal of Medical Ethics ha pubblicato un pezzo a difesa dell’infanticidio affermando che qualunque cosa giustifichi l’aborto sostiene anche il diritto dei genitori di far sì che i bambini indesiderati siano uccisi:

Nonostante l’ossimoro nell’espressione, proponiamo di chiamare questa pratica “aborto dopo il parto”, piuttosto che “infanticidio”, per sottolineare che lo status morale dell’individuo ucciso è paragonabile a quello di un feto (su cui si praticano “aborti” in senso tradizionale) piuttosto che a quello di un bambino. Pertanto, sosteniamo che uccidere un neonato potrebbe essere eticamente ammissibile in tutte le circostanze in cui si verificherebbe l’aborto. Tali circostanze includono casi in cui il neonato ha il potenziale per avere una vita (almeno) accettabile, ma il benessere della famiglia è a rischio.

Il biologo evoluzionista Jerry Coyne ha analogamente scritto che, per una questione di logica darwiniana, uccidere un neonato e abortire un feto a termine dovrebbe essere visto attraverso la stessa lente morale:

Se ti è permesso abortire un feto che ha un grave difetto genetico, microcefalia, spina bifida, o così via, allora perché non saresti in grado di eutanasizzare lo stesso feto subito dopo la sua nascita?

Non vedo alcuna differenza sostanziale che renderebbe il primo atto morale e il secondo immorale. Dopo tutto, i neonati non sono consapevoli della morte, non sono così senzienti come un bambino più grande o adulto, e non hanno facoltà razionali di esprimere giudizi (e se c’è una grave disabilità mentale, non svilupperebbe mai tali facoltà).

Gli eventi delle ultime settimane hanno spostato il “criterio di Neuhaus” sull’infanticidio da “discutibile” a “giustificabile” perché ora viene abbracciato all’interno del mainstream politico e culturale. New York ha recentemente legalizzato l’aborto in avanzato stato di gravidanza [cosiddetto tardivo] e ha abrogato una legge che impone ai medici di prendersi cura dei bambini che sopravvivono all’aborto. Una simile proposta della Virginia ha fatto grande notizia, ma non ce l’ha fatta in commissione. Rhode Island ha un disegno di legge simile in attesa, sostenuto dal suo governatore. Nel frattempo una legge del Vermont mira a fare dell’aborto un diritto assoluto senza alcuna limitazione di tempo di gestazione, scopo o metodo. Il disegno di legge ha 91 co-sponsor.

Ulteriori prove possono essere viste nel sostegno che il governatore della Virginia Ralph Northam ha ricevuto dopo aver affermato che i bambini che sopravvivono all’aborto tardivo possono legalmente essere lasciati morire. Northam afferma falsamente (secondo uno studio pubblicato dal Guttmacher Institute) che gli aborti tardivi sono limitati a “casi in cui ci possono essere gravi deformità, ci può essere un feto che non è vitale“.  Northam ha detto più tardi:

Quindi, in questo particolare esempio, se una madre è in travaglio, posso dirvi esattamente cosa accadrebbe. Il neonato verrebbe partorito. Il bambino sarebbe tenuto a suo agio. Il neonato verrebbe rianimato se questo è ciò che la madre e la famiglia desideravano, e poi ne deriverebbe una discussione tra i medici e la madre.

Northam, un medico, è uno specialista in neurologia pediatrica. La sua dichiarazione, fatta con tale distacco clinico, ha fatto rabbrividire molti. Ma Northam è stato difeso, in particolare dalla giornalista liberale del New York Times Michelle Goldberg. Nel frattempo, il Washington Post si è riferito al caso come ad una semplice storia politica di un “sobbalzo repubblicano”, non una questione di significativa importanza morale.

Questa non è solo una questione di sostegno. I medici olandesi commettono apertamente l’infanticidio su bambini nati con condizioni terminali o gravi disabilità.  Infatti, l’infanticidio è diventato così socialmente accettabile che esiste una lista di controllo burocratico chiamata Protocollo di Groningen per aiutare i medici a decidere quali bambini possono essere uccisi.  Nonostante questa palese violazione dei diritti umani, il paese rimane in buona posizione nella comunità internazionale. Nel frattempo, nel Senato degli Stati Uniti, i Democratici hanno bloccato una legge che richiederebbe ai professionisti del settore medico di fornire cure e trattamenti ai bambini nati vivi dopo i tentativi di aborto.

Com’è possibile che l’infanticidio sia diventato giustificabile quando era impensabile negli anni successivi alla seconda guerra mondiale (i medici tedeschi sono stati impiccati a Norimberga per aver ucciso bambini disabili)?

La risposta implica un crescente scontro tra la competizione dei principi primi in lotta per il dominio della società. La vita umana è sacra, o il nostro valore morale dipende dalle caratteristiche di personalità rilevanti? Lo scopo ultimo della società è quello di proteggere tutta la vita umana innocente o di eliminare la sofferenza – una categoria che comprende sia l’eliminazione del malato, sia, come nel caso di un feto o di un neonato indesiderato, la causa percepita della sofferenza? Le risposte che diamo a queste domande determineranno se l’infanticidio si è finalmente affermato come una questione non eccezionale.

Wesley J. Smith è senior fellow al Discovery Institute. Il suo ultimo libro si intitola: Culture of Death: The Age of Do Harm Medicine.

Sabino Paciolla, Il blog di Sabino Paciolla, 7 Febbraio 2019

Sostieni la Marcia per la Vita