Corpi di oltre 2.000 bambini non ancora nati sono stati trovati nella proprietà di un abortista morto

Corpi di bambini abortiti nella proprietà di un abortista mortoEssere un medico abortista cosa significa? E’ solo la convinzione che praticare aborti sia “prendersi cura della salute delle donne” (anche senza tener conto del fatto che un aborto segna per sempre il corpo e la mente di ogni donna che lo chiede e lo subisce)? O, almeno in qualche caso, non c’è forse un vero e proprio disprezzo per la vita umana che trova sfogo nell’accananirsi sui bambini abortiti? Avete mai sentito l’espressione “Io i bambini li frullo, sì, li frullo, non ho paura a dirlo”?

Dopo il famoso caso Goswell, un nuovo ritrovamento di corpicini di feti conservati nella proprietà di un medico abortista ci interroga sulla umanità del feto e sulla disumanità di chi ne uccide a migliaia e ne conserva i cadaveri come trofei o li getta nell’immondizia indifferenziata.
Ce ne fa la cronaca Claire Chretien in 
questo articolo pubblicato su LifeSiteNews.

la traduzione è a cura di Annarosa Rossetto.

I corpi di 2.246 bambini abortiti sono stati trovati nella casa di un abortista recentemente deceduto che aveva precedentemente operato a South Bend, Indiana, città del sindaco democratico Pete Buttigieg (sostenitore della liceità dell’aborto “fino al primo respiro” n.d.t.) ricandidatosi per il 2020.

Il dottor Ulrich Klopfer, medico abortista ha praticato aborti nel Women’s Pavilion a South Bend, Indiana – sede dell’Università di Notre Dame e città in cui Buttigieg è diventato un politico di rilievo – e in altre strutture dell’Indiana fino a quando la sua licenza medica non è stata sospesa nel 2016.

Come ha ampiamente documentato il gruppo di controllo Operation Rescue (storico movimento antiabortista, n.d.t.) , Klopfer ha avuto una storia di abusi, tra cui la mancata denuncia di stupro legale di bambine di 13 anni e 10 anni . Aveva rimandatoquest’ultima a casa con i suoi genitori che sapevano che la figlia era stata violentata dallo zio ma non voleva che fosse processato, senza denunciare il fatto alla polizia.

L’ufficio dello sceriffo della Contea di Will il 13 settembre ha comunicato che “un avvocato che rappresenta la famiglia del dottor Ulrich Klopfer” ha chiamato l’ufficio del coroner della contea il 12 settembre per informare che mentre controllavano le proprietà personali del dottore hanno scoperto ciò che sembravanoessere resti fetali e hanno richiesto che l’ufficio del coroner di Will County li rimuovesse in modo adeguato.

“Detective dello sceriffo della contea di Will, investigatori della scena del crimine e rappresentanti dell’ufficio del coroner della contea sono arrivati ​​a un indirizzo non registrato nella contea di Will“, ha detto l’ufficio dello sceriffo in un comunicato stampa. “Il personale è stato indirizzato verso un’area della proprietà dove erano situati 2.246 resti fetali conservati con tecniche mediche.L’ufficio del coroner della Contea di Will ha preso possesso dei resti.

“La famiglia sta collaborando pienamente con questa indagine.Non ci sono prove che siano state condotte procedure mediche all’interno della proprieà.

Sul suo database abortiondocs.org, Operation Rescue elenca due strutture per l’aborto dell’Indiana come affiliate a Klopfer. La mancanza di prove che qualcuno di questi bambini sia stato ucciso nella proprietà di Klopfer nell’Illinois aumenta la possibilità che siano stati abortiti in Indiana e trasportati attraverso il confine di stato, cosa che potrebbe essere motivo di coinvolgimento federalenell’inchiesta. Cheryl Sullenger dell’operazione Rescue ha detto a LifeSiteNews di non essere al corrente che Klopfer gestisse centri di aborto in Illinois.

“Siamo inorriditi dalle notizie di oltre 2.000 resti fetali trovati sulla proprietà del Dr. Ulrich Klopfer, un uomo che gestiva strutture per l’aborto a Gary, South Bend e Fort Wayne”, ha commentato Mike Fichter, Presidente e CEO di Right to Lifedell’Indiana. “Questi resoconti terrificanti sottolineano il motivo per cui l’industria dell’aborto deve essere sottoposta al massimo controllo. Chiediamo alle autorità dell’Indiana di unirsi alle indagini per determinare se questi resti fetali hanno qualche connessione con le operazioni di aborto, o il personale che lo pratica, in Indiana.”

La dott.ssa Monica Migliorino Miller, presidente di Citizens for a Pro-Life Society (CPLS) e attivista di lunga data a favore della vita, ha detto a LifeSiteNews che, purtroppo, non è rimasta sorpresa dalla terribile scoperta.

“In effetti, 31 anni fa, Citizens for a Pro-Life Society insieme allaPro-Life Action League, hanno trovato centinaia di bambini abortiti uccisi da Klopfer abbandonati nella raccolta dei rifiuti della zona di scarico del laboratorio Vital Med a Northbrook, [Illinois]”, ha detto la Miller. “Questi erano bambini uccisi nel centro per l’aborto dell’Indiana dove operava a quel tempo la Women’s Health Organization di Fort Wayne, di proprietà allora di Susan Hill, che decenni fa gestiva una serie di cliniche per l’aborto. Molti dei sacchi contenenti i bambini avevano persino il suo nome scarabocchiato sopra

La Citizens for a Pro-Life Society ha seppellito alcuni dei bambini di Klopfer a Tallahassee, [Florida], ma molti di loro sono stati sepolti a Fort Wayne  poiché li consegnavamo ad attivisti pro-life locali perché li seppellissero.”

La Miller ha descritto nel suo libro di memorie Abandoned: The Untold Story of the Abortion Wars (Abbandonati: la storia mai raccontata delle guerre dell’aborto, n.d.t.) di aver trovato, salvato, fotografato e seppellito i corpi di bambini abortiti che lei e altri attivisti hanno trovato abbandonati nella spazzatura durante i primi giorni dell’aborto legale. Ha detto che la CPLS sta lavorando per organizzare la sepoltura dei 2.246 bambini.

Nel maggio 2019 , la Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato una legge dell’Indiana che richiede la sepoltura o la cremazione dei bambini abortiti. La legge era stata firmata nel 2016 dall’allora governatore Mike Pence, prima di lasciare l’incarico per diventare il candidato alla vicepresidenza di Donald Trump.

“Siamo in lutto per le migliaia di vittime innocenti di Ulrich Klopfer. La loro umanità è innegabile”, ha dichiarato Marjorie Dannenfelser, presidente della Susan B. Anthony List. “Questa devastante scoperta dimostra che la Casa degli orrori “di Kermit Gosnell non era un’eccezione e mostra che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha giudicato correttamente la legge dell’Indiana … Speriamo che le vittime di Klopfer saranno finalmente trattate con rispetto e che questa atrocità risvegli in tutta la nazione i cuori e lecoscienze nei confronti della brutale realtà dell’aborto. “

Gosnell, l’abortista di Filadelfia, condannato per aver ucciso bambini fuori dall’utero, sta scontando tre ergastoli in prigione.Nella sua clinica squallida e piena di rifiuti, anche lui conservava trofei dei bambini che aveva abortito – i loro piedini conservati in ben 50 vasetti, una somiglianza che la Sullenger aveva notato.

“La scoperta dei bambini abortiti nella proprietà di Klopfer ricorda la pratica di Kermit Gosnell di conservare i piedini dei bambini abortiti e fatti a pezzi, come trofei, un comportamento tipico di noti serial killer”, ha detto a LifeSiteNews. “Oppure, è possibile che [loro] siano stati conservati perché era troppo avaro per pagare una ditta per smaltirli correttamente. Bisogna vedere cosa scoprirà l’indagine. “

La struttura per aborti attualmente operativa a South Bend è la Whole Woman’s Health, che Buttigieg ha difeso di recente, giusto il mese scorso .

Annarosa Rossetto, Il blog di Sabino Paciolla, 16 Settembre 2019

Sostieni la Marcia per la Vita