Breaking: L’Amministrazione Trump ha interrotto un altro contratto che finanziava la ricerca di “topi umanizzati” con parti di bambini abortiti

Breaking: L’Amministrazione Trump ha interrotto un altro contratto che finanziava la ricerca di “topi umanizzati” con parti di bambini abortiti Il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) dell’amministrazione Trump ha annunciato mercoledì che sta annullando un altro contratto che ha finanziato la ricerca utilizzando parti di bambini abortiti a spese del contribuente, e si è impegnato a stabilire nuove linee guida etiche per rivedere le proposte future e come esattamente coinvolgono il tessuto ottenuto dall’aborto.

Un articolo di Calvin Freiburger nella mia traduzione.

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) dell’amministrazione Trump ha annunciato mercoledì che sta annullando un altro contratto che ha finanziato la ricerca utilizzando parti di bambini abortiti a spese del contribuente, e si è impegnato a stabilire nuove linee guida etiche per rivedere le proposte future e come esattamente coinvolgono il tessuto ottenuto dall’aborto.

La polemica è scoppiata l’agosto scorso quando è emerso un avviso dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti (l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ndr) che dettagliava un contratto con la ditta di approvvigionamento del tessuto fetale Advanced Bioscience Resources, Inc. (ABR) finalizzato ad acquisire “Tessuto per topi umanizzati”. Decine di leader pro-vita e membri della Camera hanno esercitato con successo pressioni su FDA e HHS per sciogliere il contratto, ma le preoccupazioni sono rimaste su oltre 100 milioni di dollari fiscali che si è continuato a pagare per altre ricerche che utilizzano tessuti e organi di bambini abortiti.

In risposta, l’amministrazione si è impegnata a rivedere i finanziamenti e ad organizzare sessioni di ascolto con scienziati, eticisti e gruppi pro-life sulla ricerca. Mercoledì scorso, il Dipartimento di salute e servizi umani (HHS) ha annunciato che non rinnoverà un simile contratto per “topi umanizzati” che è scaduto questa settimana, con la University of California-San Francisco (UCSF).

“Promuovere la dignità della vita umana dal concepimento alla morte naturale è una delle massime priorità dell’amministrazione del Presidente Trump”, si legge in una dichiarazione del Dipartimento di salute e servizi umani (HHS).“L’audit e la revisione hanno contribuito a informare il processo politico che ha portato alla decisione dell’amministrazione di lasciare scadere il contratto con l’UCSF e di interrompere la ricerca intramurale – la ricerca condotta all’interno del National Institutes of Health (NIH) – che coinvolge l’uso di tessuto fetale umano da aborto elettivo (cioè, quando l’aborto viene effettuato su richiesta della donna per ragioni non mediche, ndr). La ricerca intramurale che richiede una nuova acquisizione di tessuto fetale da aborti elettivi non sarà condotta”.

Per quanto riguarda la futura ricerca sui tessuti abortiti che richiede finanziamenti federali ma si svolge al di fuori del National Institutes of Health (NIH), “un comitato consultivo etico sarà convocato per esaminare la proposta di ricerca e raccomandare se, alla luce delle considerazioni etiche, il National Institutes of Health (NIH) dovrebbe finanziare il progetto di ricerca, in base a una legge approvata dal Congresso”.

La dichiarazione ha anche promesso che l’amministrazione continua a rivedere e finanziare alternative etiche alla ricerca di tessuti ottenuti dall’aborto.

“Questa è una grande vittoria a favore della vita e ringraziamo il Presidente Trump per aver intrapreso un’azione decisiva. E’ oltraggioso e disgustoso che siamo stati complici, attraverso i dollari dei nostri contribuenti, nella sperimentazione usando parti del corpo del bambino. Il National Institutes of Health (NIH) ha speso 120 milioni di dollari all’anno per esperimenti macabri e non etici che coinvolgono cuori, fegati, ossa e cervelli raccolti da bambini troppo piccoli e vulnerabili per parlare da soli”, ha detto Susan B. Anthony List President Marjorie Dannenfelser.

L’annullamento del contratto con la University of California-San Francisco (UCSF) è stata “l’unica risposta umana possibile al traffico di resti di bambini dell’industria dell’aborto”, ha risposto Kristan Hawkins, presidente di Students for Life of America (Studenti per la vita di America, ndr). “Sappiamo da tempo che la Planned Parenthood in particolare aveva creato una macabra sottocultura, il traffico di parti del corpo del neonato. Porre fine a questa pratica è eticamente, scientificamente e moralmente giusto, soprattutto perché abbiamo imparato che i resti fetali non sono necessari per la ricerca”.

Nel mese di dicembre, Charlotte Lozier Institute scholar e la dottoressa Tara Sander Lee, esperta di biochimica/biologia, hanno testimoniato davanti al Congresso che la ricerca sui tessuti fetali non è medicalmente necessaria.

Ha spiegato che meno dello 0,4% del budget del National Institutes of Health (NIH) è attualmente destinato alla ricerca sui tessuti fetali, che “dopo oltre 100 anni di ricerca, non sono state scoperte o sviluppate terapie che richiedono tessuti fetali da aborto”, e che i ricercatori hanno accesso a una vasta gamma di fonti etiche per i tessuti umani, comprese le cellule che possono avere l’ambita qualità di pluripotenza, o la capacità di diventare altri tipi di tessuto.

 

Video: La testimonianza della dottoressa Tara Sander Lee, esperta di biochimica/biologia, davanti al Congresso USA

Sabino Paciolla, 6 Giugno 2019, Il blog di Sabino Paciolla

Sostieni la Marcia per la Vita