La marcia dei sei milioni

Marceranno con noi. Sei milioni, una moltitudine sterminata. Il 20 maggio, a Roma, alla settima Marcia per la vita, ci saranno anche loro,  cui è stato negato, dalla giustizia degli uomini e dalle sue leggi,  il diritto di nascere.

Eutanasia e aborto, il funerale della vita e dell’Italia

Mentre la Camera dei Deputati approva l’ennesima legge contro la vita – questa volta sull’eutanasia, sebbene mascherata con i nomi di “testamento biologico” e “D.A.T.” (Disposizioni Anticipate di Trattamento) -, nel silenzio più o meno generale delle gerarchie ecclesiastiche e dei movimenti loro soggetti, c’è un sacerdote che non ha paura di dire pane al pane…

«Marceremo per difendere la vita in tutti i suoi aspetti»

Sabato 20 maggio a Roma mobilitazione dei pro life: ecco le ragioni Il prossimo 20 maggio si svolgerà a Roma la 7ª edizione della Marcia per la vita, un’iniziativa che intende affermare il valore sacro della vita umana e la sua intangibilità, dal concepimento alla morte naturale.

La Marcia per la Vita il 20 maggio a Roma: una chiamata al coraggio.

  A guardarsi attorno, verrebbe da dire che non ne vale la pena. A cosa serve marciare per la Vita se in Parlamento non c’è alcun ascolto, se per alcuni giudici i bambini si possono vendere, comprare, produrre, se in fin dei conti ormai con le pillole del giorno dopo l’aborto è un fatto privato,…

Diamo voce a chi non ne ha, nemmeno per piangere

Ringraziamo i giovani delle Voci del Verbo (Istituto del Verbo Incarnato): ci hanno inviato alcuni articoli con ottimi spunti di riflessione razionale sulla cruda realtà dell’aborto che ci invitano a partecipare alla prossima Marcia per la Vita.

Canada: autobus pro-vita circola per le strade di Peterborouch

Il comune di Peterborough ha autorizzato l’affissione di pubblicità pro-vita sui propri autobus comunali. Sui cartelloni, affissi all’esterno degli autobus della città, si vedono tre cerchi. Nel primo, si vede la foto di un feto di 7 settimane; nel secondo, un feto di 16 settimane; il terzo cerchio, senza feto, contiene la parola “gone”, cioè…

Aborto libero e guerra contro le donne

Sappiamo bene che l’aborto è un male innanzitutto perché pone fine alla vita di un essere umano unico e irripetibile. La perdita è incommensurabile, perché ogni  persona ha un valore sommo.